Home page - Questo blog si è trasferito su Crisi dopo la crisi http://crisidopolacrisi.blogspot.it/ resta ancora provvisoriamente aperto per notizie e collegamenti ad altri blog

martedì 9 febbraio 2016

Giustizia per Raffaele


Il 31/03/15 mio fratello Raffaele Tirali ha avuto un incidente sul lavoro mentre lavorava al Chesa Chantarella a St. Moritz in Svizzera, mentre spostava un frigorifero è stato schiacciato da quest'ultimo all'interno del montacarichi.
La Procura Svizzera ci ha liquidati dicendo che mio Fratello se l'è cercata e non ci sono colpevoli per la sua morte. Mio fratello stava lavorando, non era al bar a bere una birra...
Il 10 febbraio la causa verrà archiviata come un suicidio... Non permettiamolo. Chiediamo Giustizia e verità... E che il caso non venga chiuso come se mio Fratello si fosse suicidato.

domenica 7 febbraio 2016

Un fiore per Giulio Reggiani


Un fiore dedicato a chi ha perso la vita sta nel linguaggio simbolico del ricordo – Dedico questo mandorlo fiorito alla memoria di Giulio Reggiani.  Già alla fine di gennaio i mandorli sono in fiore, sono i primi fiori che sbocciano sugli alberi, annunciano la fine dell’inverno, esprimono tutta la bellezza di una primavera che deve ancora arrivare. Giulio Reggiani, nella sua giovinezza, aveva già espresso con la sua breve vita questa bellezza. (f.z.)

immagine – mandorlo fiorito di Van Gogh

martedì 2 febbraio 2016

Reddito di cittadinanza e la versione Poletti

Dopo due anni di governo Renzi,  che ha sbomballato denaro in tutte le direzioni, e senza un minimo di criterio,  il ministro Poletti pensa che si possa affrontare il problema della povertà. Problema  che doveva essere la priorità iniziale di un governo fin dal primo giorno del suo insediamento.
 In un paese con gli alti livelli di disoccupazione  e con circa 4 milioni di poveri era quella la priorità, e per due anni l’hanno ignorata.  Ora,  visto che: si muovono Comuni e Regioni (almeno a parole: Lombardia, Basilicata, Livorno …) verso l’ipotesi di reddito di cittadinanza, e si avvicinano le elezioni amministrative,  arriva il ministro Poletti con una sua proposta sul reddito di cittadinanza; proposta  che dovrebbe iniziare a concretizzarsi nel 2017.
A parte come possano sopravvivere i senza reddito da qui al 2017; veniamo alla sua proposta: l’ipotesi è di 320 euro al mese a chi non ha redditi, non ha lavoro ed ha figli. In pratica quello che lo stesso Poletti spende in caffè  deve bastare a sostenere una famiglia.
Comunque,  ministro Poletti,  benvenuto tra quelli che queste cose le dicono da diversi anni, e si ricordi che occorre fare in fretta e bene. (f.z.)
Nella foto la ricevuta della raccomandata che il blog Crea pane e lavoro inviò a Poletti sin dal suo insediamento  a questo link il contenuto

L’intervista di Poletti a Repubblica

mercoledì 27 gennaio 2016

Greenpeace a Renzi: un dovere risparmiare


Pochi giorni fa la Corte Costituzionale ha stabilito che i cittadini potranno dire la loro sulle trivellazioni, ammettendo un referendum sulla ricerca di petrolio nei nostri mari proposto da ben 9 Regioni.
Per facilitare la partecipazione e risparmiare centinaia di milioni di euro, si potrebbe fare qualcosa di molto semplice: accorpare la data del referendum e quella del primo turno delle prossime amministrative. Renzi, però, sta già pensando a qualcosa di diverso: per affossare la democrazia e compiacere le compagnie petrolifere è disposto a evitare l'ELECTION DAY, sprecando centinaia di milioni di euro dei cittadini!
Se referendum e amministrative fossero accorpati, potremmo risparmiare un'enorme quantità di denaro pubblico, stimabile tra i 350 e i 400 milioni: firma e

sabato 23 gennaio 2016

ONORE A QUEST’UOMO SPERANZA DELL’INTERA UMANITA’

Kenya, muore insegnante musulmano. Salvò cristiani da al-Shabaab: "O ci uccidete tutti o nessuno"



Salah Farah, insegnante keniota di religione islamica, ucciso per aver protetto alcuni cristiani.  Il 21 dicembre, al-Shabaab, formazione islamista e cellula somala di al-Qaeda, ha teso un'imboscata a un autobus che si stava dirigendo a Mandera, città nel nord-est del Kenya. Col volto coperto, armati, in tuta mimetica, i militanti hanno fatto scendere i passeggeri e cominciato la loro caratteristica conta mortale. I musulmani da una parte, i cristiani dall'altra, due gruppi separati per ucciderne uno solo, in nome della sharia. Ma questa volta i passeggeri musulmani si sono rifiutati di collaborare.

"Gli abbiamo chiesto di ucciderci tutti o di lasciarci andare" ha raccontato Salah Farah al Daily Nation dopo l'attacco. Anche lui si trovava sul bus. "Appena abbiamo parlato hanno sparato a un ragazzo, e a me". Poi gli assalitori fuggirono e cristiani furono salvi.
Il 18 gennaio, Farah, dopo un mese trascorso al Kenyatta National Hospital di Nairobi, è morto per le ferite riportate.  
ONORE A QUEST’UOMO SPERANZA DELL’INTERA UMANITA’



giovedì 21 gennaio 2016

Milano - Incontro poetico dedicato a Ignazio Buttitta

Milano 
Incontro del Movimento Letterario Lombardo e Belle Arti
del 22 gennaio 2016 ore 17,00
dedicato a Ignazio Buttitta

in via Clerici 10 presso il bar del Circolo Filologico Milanese
Altre informazioni su 

venerdì 15 gennaio 2016

I PRINCÌPI LAICI E LE LIBERTÀ COLLETTIVE


I PRINCÌPI LAICI E LE LIBERTÀ COLLETTIVE

Ancora sul dopo Parigi. Appunti intorno ad un dibattito.
di Angelo Gaccione
Proviamo a mettere in fila alcuni fatti incontrovertibili. vai sul link di

venerdì 8 gennaio 2016

I morti dell’Epifania:

Pesaro: muore di freddo su una panchina un clochard -  Era laureato in Filosofia – 42 anni – aveva fatto qualche supplenza – poi una vita da senza tetto
Cinisello Balsamo – clochard  muore dentro una macchina – era la sua abitazione – ci dormiva dentro da cinque anni – anche d’inverno.

Lo Stato italiano ancora vive ignorando ogni ipotesi di reddito di cittadinanza

lunedì 4 gennaio 2016

2016, il referendum della consacrazione – prima puntata

2016, il referendum della consacrazione – prima puntata
Con ogni probabilità nell’autunno del 2016 ci sarà il referendum sulla riforma istituzionale del Senato. Il premier Renzi ha già annunciato (nella conferenza stampa del 29 dicembre 2015) che sarà determinante per la sua carriera politica. La riforma del Senato combinata con la Legge elettorale porta a un grande cambiamento negli assetti dei poteri istituzionali in Italia. Sul blog Crisidopolacrisi saranno raccolti diversi interventi;  qui oggi quello di Alfiero Grandi.

domenica 3 gennaio 2016

giovedì 31 dicembre 2015

Buon 2016

Buon 2016


Un augurio di Buon Anno da chi ha 

sconfitto l'ebola

 - Foto e annuncio diffusi su facebook

Chiudiamo l'anno con una buona notizia: GUINEA LIBERA DALL'EBOLA dopo 42 giorni senza nessun nuovo caso 
Da marzo 2014, 3.800 operatori di Medici Senza Frontiere  sono stati impegnati nella lotta all'epidemia, curando 10.288 pazienti in Africa Occidentale.

giovedì 17 dicembre 2015

La posta offre lavoro a caro prezzo

Hai una laurea triennale con voto finale 101 non puoi fare il portalettere – non sei in pratica in grado di leggere un indirizzo –
Se poi vuoi fare carriere e frequentare uno stage delle poste ed hai una laurea in ingegneria che hai preso 25 mesi fa, non puoi perché il tuo titolo è ormai scaduto.