sabato 20 giugno 2015

No all'olio di palma nella Nutella: e nei biocombustibili

mercoledì 17 giugno 2015



La ministra dell’ecologia Ségolène Royal durante la trasmissione di lunedì 15 giugno su Canal Plus
ha consigliato di smettere di consumare la Nutella perché contiene olio di palma. E per quello presente nei biocombustibili, cosa dice? Scriviamo alla ministra dell’ecologia per chiedere di impedire la conversione ad olio di palma della raffineria della Total de La Mède.
"Bisogna smettere di mangiare Nutella” la ministra dell’ecologia Ségolène Royal ha fatto questa dichiarazione lapidaria dopo una premessa piuttosto gratificante: “Dobbiamo ripiantare gli alberi urgentemente, è in corso una deforestazione massiccia che causa anche il riscaldamento globale”. Ed ha concluso: "Dobbiamo utilizzare altre materie prime”
Nel frattempo, la compagnia petrolifera statale francese Total ha in progetto la riconversione della raffineria de La Mède, in Provenza, in raffineria ad olio di palma. Il biodiesel prodotto dovrebbe aiutare a proteggere il clima, ma è il contrario. Le foreste pluviali abbattute per fare nuove piantagioni di palma da olio, distruggono la biodiversità, minacciano le persone che vi abitano ed aumentano il riscaldamento globale. In Italia abbiamo una grande raffineria, già convertita ad olio di palma a Marghera, di proprietà di ENI. Presto anche quella di Gela subirà lo stesso destino. Attendiamo ancora che la politica italiana si faccia carico di questo problema concretamente, in modo competente ed esaustivo. L'appello unilaterale della ministra per i consumatori non è dunque sufficiente, le chiediamo urgentemente di agire politicamente e concretamente per fermare la riconversione della raffineria de La Mède, fermare l'importazione e gli incentivi di produzione per i biocombustibili nella UE. Unitevi alla nostra petizione, potete firmarla in Rete.
Salviamo la foresta

articolo sopra riportato, dal blog Odissea

Nessun commento:

Posta un commento

Questo Blog va in chiusura e viene sostituito dal blog Crisi dopo la crisi.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.