sabato 17 ottobre 2015

Medici senza frontiere, petizione ad Obama

Nelle prime ore del mattino del 3 ottobre, un aereo da combattimento statunitense ha ripetutamente bombardato il nostro ospedale a Kunduz, nel nord dell’Afghanistan.
Gli attacchi hanno ucciso 22 persone tra pazienti e staff di Medici Senza Frontiere e ferito circa 40 persone. L’ospedale stesso è stato distrutto, privando centinaia di migliaia di persone della possibilità di ricevere cure traumatologiche d’urgenza.


In nome dei nostri colleghi e pazienti uccisi e feriti – e per tutti i nostri operatori e pazienti nel mondo – abbiamo chiesto l’avvio di un’indagine internazionale indipendente sul bombardamento del nostro ospedale a Kunduz, che venga condotta dalla Commissione d’Inchiesta Umanitaria Internazionale (IHFFC). 
Ora la commisione è stata attivata, ma manca un passaggio indispensabile perché possa essere avviata una ricerca davvero imparziale della verità: il consenso degli Stati Uniti e dell'amministrazione Obama. 

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO SOSTEGNO:
FIRMA ORA LA PETIZIONE DIRETTA AL PRESIDENTE OBAMA.


L'investigazione indipendente sull’attacco di Kunduz è indispensabile per riaffermare il diritto di organizzazioni come la nostra a fornire cure mediche in modo indipendente e imparziale nelle zone di conflitto.

Perché anche le guerre hanno delle regole.
#IndependentInvestigation
FIRMA ORA >>

Nessun commento:

Posta un commento

Questo Blog va in chiusura e viene sostituito dal blog Crisi dopo la crisi.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.